Ultima modifica: 12 Dicembre 2019

Work in progress

La scuola intesa come organismo vivo, che si modifica ed evolve, per formare tecnici preparati ad affrontare le sfide di oggi e di domani.
Questo è lo spirito con cui ci stiamo avviando ad un periodo di trasformazione dei nostri corsi di Elettronica- Elettrotecnica e Telecomunicazioni-Informatica con un sostanziale rinnovamento degli ausili laboratoriali che sono fondamentali per la nostra didattica .
In un periodo di tagli ai bilanci delle scuole, grazie all’impegno dei prof. Bellemo e Michelon,con il sostegno della Dirigente Scolastica prof.ssa A. Zennaro, tali indirizzi hanno usufruito di un finanziamento P.O.N. (Programma Operativo Nazionale del Miur, intitolato “Per la Scuola – competenze e ambienti per l’apprendimento” piano di interventi che punta a creare un sistema d’istruzione e di formazione di elevata qualità. È finanziato dai Fondi Strutturali Europei e ha una durata settennale, dal 2014 al 2020).

Attraverso il finanziamento di 72.234 euro finanziati dall’Unione Europea è stato possibile realizzare un programma di acquisti per modernizzare e rinnovare i laboratori degli indirizzi di Elettronica ed Informatica.
Nello specifico sono stati acquistati i seguenti articoli e strumenti: 10 schede MyDaq della National Instruments, 15 pannelli didattici per telecomunicazioni della Elettronica Veneta, Analizzatori di spettro, Oscilloscopi digitali, Generatori di Funzione, Boundle CISCO per le esercitazioni sulle reti informatiche, PLC, un braccio robotizzato Dobot Magician, 12 Mbot, 6 kit Ultimate2, 8 kit Lego Mindstorm, 2 kit per robotica della Fishertecnik, 12 kit Arduino, 10 kit Raspberry, 10 Node MCU 8266 per la IoT e diverso materiale di consumo per le esercitazioni.
Grazie all’aggiornamento dei laboratori, nel corso del presente anno scolastico sarà avviato anche il progetto “Fab Lab”.
Fab lab (dall’inglese Fabrication Laboratory) è una piccola officina che offre servizi personalizzati di fabbricazione digitale. Il concetto nasce da un’idea del prof. Neil Gershenfeld del MIT di Boston nel 2001. L’idea è quella di creare un laboratorio dotato di una serie di strumenti computerizzati in grado di realizzare, in maniera flessibile e semi-automatica, un’ampia gamma di oggetti. Di fatto, un oggetto rappresentato digitalmente da un laboratorio, può essere inviato ad un altro, tramite la rete internet, ed essere realizzato a km di distanza.

Per la realizzazione del “Fab Lab”, sono stati adeguati e rivisti gli spazi dell’ex laboratorio di Topografia, dove attualmente si trova gran parte della strumentazione e dei kit per lo studio della robotica e dell’automazione acquistati con il PON, oltre che stampanti 3D e diversi portatili.
Prossimo obiettivo sarà la sostituzione di una parte dei PC presenti nei diversi laboratori di indirizzo con computer più performanti in grado di supportare adeguatamente i nuovi software.
Il percorso di rinnovamento non finisce mai ed è tutto migliorabile, l’importante è, non rimanere fermi e lanciare sempre nuove idee.

Prof. Narciso Girotto




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi